Sciopero Cotral, SULCT: “Astensione alta, punte del 100%”

“Ancora una volta i Lavoratori di Cotral rispondono compatti e coesi allo sciopero, indetto contro l’accordo penalizzante siglato il 21 febbraio 2017″

Comunicato Stampa
Sciopero Cotral, SULCT: “Astensione alta, punte del 100%”

“Ancora una volta i Lavoratori di Cotral rispondono compatti e coesi allo sciopero, l’ennesimo, indetto contro l’accordo penalizzante siglato il 21 febbraio 2017.  Da una ponderata analisi, facendo il confronto tra le uscite programmate e quelle effettive, si può tranquillamente affermare, senza tema di smentita, che finora l’astensione dal lavoro, su tutto il territorio regionale, è del 50% con punte rimarchevoli del 90 e 100%”. È quanto riferisce in una nota il Segretario SULCT di Roma e Lazio Renzo Coppini. “Il fatto che i Lavoratori si siano di nuovo sacrificati e abbiamo incrociato le braccia per la quinta volta consecutiva, dimostra che l’accordo in questione ha provocato solo malumori nonché disservizi all’utenza, come stiamo sostenendo da quando è stato sottoscritto. È un segnale chiaro, il rovescio della medaglia, che fa trasparire la vera situazione di Cotral, benché i comunicati ufficiali della Regione e dell’Azienda dicano altro”.

“I Lavoratori sono stanchi, demotivati”, conclude Coppini, “hanno visto la propria vita professionale e privata stravolta, anche penalizzata sotto il profilo economico e normativo. I dipendenti vogliono, esplicitamente, che si riaprano le trattative sull’accordo del 21 febbraio, per risolvere i gravi problemi e per aumentare gli standard qualitativi del servizio. Noi faremo i modo che ciò avvenga, metteremo in campo tutti i mezzi democratici che abbiamo a disposizione”.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page