Piano Pullman, il SUL-UTL-FAST: “Dal Campidoglio scelte miopi”

Roma bus turistici via della conciliazione - fotografo: Benvegnù-guaitoli-lannutti

“Il nuovo regolamento sui bus turistici, così come varato dalla Giunta Capitolina, porterà alla perdita di posti di lavoro in ogni settore”

 

 

Comunicato Stampa
Piano Pullman, il SUL-UTL-FAST: “Dal Campidoglio scelte miopi”

“Il nuovo regolamento sui bus turistici, così come varato dalla Giunta Capitolina, porterà alla perdita di posti di lavoro in ogni settore”. Lo riferisce in una nota Giuliano Buccini, responsabile SUL Turismo. “Il nostro Sindacato, che rappresenta i Lavoratori del comparto, lotterà con ogni strategia possibile e legale per la salvaguardia dei livelli occupazionali. Ricordiamo che in occasione dell’Anno Santo del 2000, costringemmo l’allora assessore ai trasporti alle dimissioni; stavolta, se non si dovesse aprire un tavolo tecnico in merito al Piano, prima del voto in Assemblea Capitolina, faremo di tutto per portare alle dimissioni l’intera Amministrazione. Tale Piano allontanerà i turisti, è impensabile farli scendere dai pullman in luoghi lontani dal centro storico, come previsto, e spingerli a fruire dei mezzi pubblici che, vecchi e inquinanti, pullulano di borseggiatori. Anche perché, quasi sempre, ci troviamo innanzi a persone di una certa età. Roma è un museo a cielo aperto e non sappiamo come imporlo al mondo intero, riusciamo invece a nasconderlo per le errate politiche”.

“Rimaniamo sconcertati dalla chiusura a riccio dell’Amministrazione”, aggiunge Renzo Coppini, Coordinatore Regionale SULCT-UTL-FAST, “che è andata avanti da sola, senza ascoltare le istanze dei rappresentanti sia dei lavoratori che delle imprese del settore turismo, aprendo con loro un confronto concreto e bilaterale; dal quale sarebbe scaturito un Piano Bus condiviso, compatibile e rispettoso delle esigenze di una e dell’altra parte. Invece ci troviamo di fronte, e siamo preoccupati per questo, a un elaborato che, licenziato dalla Giunta nella giornata del 5 dicembre, e ora al vaglio dell’Assemblea Capitolina, mina radicalmente l’itero settore, che rappresenta il 10 per cento del PIL di Roma, incidendo su migliaia di posti di lavoro tra autisti, guide turistiche e dipendenti sia degli albergatori che della ristorazione. È un Piano miope che, inoltre, andrà ad appesantire ulteriormente il TPL, ad oggi non in grado di supportare flussi turistici aggiuntivi, e che non risolverà il problema del traffico viario. Il Campidoglio ci ripensi, prima che sia troppo tardi”.

***FINE DEL COMUNICATO***

comunicazione@sindacatosul.it

 

 

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page