SULCT-UTL-FAST: «I Lavoratori RomaTpl aspettano ancora lo stipendio»

«L’ennesimo ritardo del pagamento degli stipendi ai Lavoratoti della RomaTpl dimostra che la privatizzazione dei trasporti locali è un fallimento»

Roma, 11 Marzo 2018

 

Comunicato Stampa
SULCT-UTL-FAST: «I Lavoratori RomaTpl aspettano ancora lo stipendio»

«L’ennesimo ritardo del pagamento degli stipendi ai Lavoratoti della Roma TPL Scarl dimostra, senza tema di smentita, che la privatizzazione dei servizi essenziali, come i trasporti locali, è un eclatante fallimento. In termini sia di qualità che di mera organizzazione». Così Renzo Coppini, Coordinatore Regionale del SULCT-UTL-FAST. «Siamo al decimo giorno di ritardo, è ora di passare dalle parole ai fatti: bene la lettera del Campidoglio, che si dice pronto ad attivare i poteri sostitutivi, ma questa, a nostro avviso, sarebbe dovuta partire l’ultimo giorno utile del mese, ovvero quando la Società avrebbe dovuto pagare gli emolumenti, in modo da accelerare i tempi».  

***FINE DEL COMUNICATO***

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page